Contenuto principale

Appuntamenti | 27.03.2019 | 16:45

Adulto con autismo – e ora?

Il passaggio all’età adulta per gli interessati e le loro famiglie costituisce una sfida non da poco. La rete che riguarda l‘autismo invita ad una serata informativa, lunedì 1° aprile 2019 alle ore 17:30 nella sala conferenze del tratto riabilitazione dell’ospedale di Merano.

Adulto con autismo - e ora?ZoomansichtAdulto con autismo - e ora?

„Talvolta mi sento come se fossi atterrato su di un pianeta sconosciuto dove a fatica devo impararne usi e costumi; il linguaggio del corpo per me è cinese, non ne capisco una parola”.   Queste sono alcune delle affermazioni di persone affette da autismo. Perché l‘autismo ha espressioni diverse: se alcuni uomini e donne sono in grado di condurre una vita in buona parte normale, altri hanno bisogno di sostegno per tutta la vita.

L’autismo si manifesta già nella prima infanzia
Una diagnosi precoce ed un accompagnamento professionale in famiglia e a scuola sono le premesse per permettere al bambino di svilupparsi bene. Che ne è però quando i bambini diventano adulti, con un’elaborazione del percepito diverso, stili di pensiero e di apprendimento diversi, altre interazioni sociali che talvolta sono incomprensibili per gli estranei? Verena Perwanger, Primaria del Servizio psichiatrico del Comprensorio sanitario di Merano, in occasione della giornata dell’autismo ha dichiarato: „l’autismo è una natura condizionata neurologicamente e geneticamente, non una malattia.

Significa che il cervello delle persone autistiche si differenziano da quelle che non lo sono.

Abitare, lavorare, il tempo libero, gli amici, i partner – le particolari esigenze di persone con disturbi afferenti lo spettro dell’autismo riguardano tutti gli ambiti della vita e richiedono competente consulenza adattata individualmente ed accompagnamento di lungo periodo affinché il ‘progetto di vita’ possa riuscire bene. Dal 2015 sono state finalmente introdotte anche le condizioni giuridiche per poter assistere ed accompagnare queste persone nelle differenti fasi della vita”.

Da allora molto è stato fatto: a Merano, ad esempio, è nata una rete che include il Servizio psichiatrico e psicologico, i Servizi sociali della Comunità Comprensoriale del Burgraviato e l’Ambulatorio specialistico per i disturbi dello spettro autistico “Autòs-autismo e famiglie”. Insieme si vuole organizzare al meglio il passaggio dall’età giovanile a quella adulta e sostenere persone adulte con autismo e loro familiari nel miglior modo possibile.

In occasione della giornata mondiale dell’autismo una serata informativa dal motto “Una nuova dinamica per l’autismo” dovrebbe permettere lo scambio di esperienze ed informazioni per interessati, persone autistiche, familiari ed operatori. L’incontro è organizzato dalla rete Autismo; l’entrata è libera.

Forse aiuta un semplice cambio di prospettiva, così ha dichiarato una persona autistica:

 „Mi è difficile indovinare cosa pensino gli altri. Talvolta non considero che non possano sapere cose per il semplice fatto che non gliele ho raccontate.”


Informazioni per la stampa:

Sabine Flarer, Ripartizione comunicazione, marketing e relazioni pubbliche presso il comprensorio sanitario di Merano, tel. 0473 263 806, e-mail: sabine.flarer@sabes.it

 

 

 

 

 

(SF/EC)



Altre notizie di questa categoria